Danzamovimentoterapia con tossicodipendenti
Roberto Cirio


Finalità del progetto e interazioni terapeutiche

L'’approccio terapeutico attraverso la danza e il movimento intende proporre un percorso che mira a connettere/risintonizzare in modo più autentico e consapevole gli individui con il proprio Sé corporeo. Attraverso proposte semplici e mirate di movimenti che vanno a stimolare e implementare lo schema corporeo, inteso come l’insieme delle sensazioni cinestetiche, s’intende connettere le persone con il proprio corpo emotivo ed il “qui e ora” dell’esperienza. Nello specifico la proposta di esercizi di ginnastica dolce permette di cogliere il movimento armonico delle diversi parti del corpo e la relazione fra queste, passando dalla frammentazione alla totalità.

In questo senso, il movimento del corpo è la forma primaria per esternare le emozioni, l'immaginazione; la danza è intesa come quel fenomeno transculturale, universale, che ha essenzialmente lo scopo di essere un collante collettivo dove le persone trovano conferma della loro identità e della loro appartenenza ad un gruppo.

Nella danza, in particolare, l'espressione artistica del danzatore avviene attraverso il movimento del corpo, creatore e creazione, opera e artista, sono un tutt'uno inscindibile.

Il danzatore con la danza ricerca un'armonia fra sé ed il mondo esterno, esprimendo ed interpretando attraverso il linguaggio corporeo caos e ordine. La danza è così l'espressione del proprio mondo interno, della memoria del corpo e simbolo dell'azione di vivere
. Il corpo che nel movimento ritmico della successione spazio-temporale è viva rappresentazione della realtà visiva e di quella fantastica.


Impostazione terapeutica

Il gruppo si svolge una volta alla settimana con un costante aggiornamento tra le varie figure terapeutiche di riferimento